I love Ceroli

Voglio condividere con voi una mattinata trascorsa due settimane fa a Roma che ho amato particolarmente.
Mi è capitato di entrare in uno dei posti più suggestivi che io abbia mai visto e conoscere uno scultore e scenografo tra i più quotati in Italia e all’estero.
Chi ama l’arte contemporanea non può non conoscerlo.
Sto parlando di Mario Ceroli.
Lui ama particolarmente il legno, a lungo sperimentato nella creazione delle forme più varie. Sono famosi i suoi cavalli, sparsi in tutto il mondo, in legno ma anche in bronzo, simbolo di aspirazione alla conquista, alla libertà intellettuale.
Girare con lui nei suoi capannoni, che sono dei mini musei, credetemi, è stato bellissimo. E poi sentirlo parlare e spiegare le sue opere come se fossero dei suoi bambini…
Be’, sicuramente per lui lo sono.
Godetevi queste foto inedite!
Baci, a dopo in TV!

P.S. Anche il maestro Ceroli guarda Detto Fatto, lo ha confessato mentre chiudeva il mega cancello di casa.
Che soddisfazione!

You May Also Like

2 Comments

  1. 1

    Ma come fai ad essere così superficiale? Le regole per andare in bicicletta sono ignorate totalmente in Italia. Non credo che, per una volta che si affronta questo argomento in tv , sia il caso di fare la schizzinosa. La sicurezza prescinde dal look.Hai lanciato un messaggio pessimo

  2. 2

    Non è attinente il riferimento di Grazia, all’argomento bicicletta, con l’argomento Mostra Ceroli, delle foto qui sopra!
    Tutti pronti a criticare la Cate, ma quando ha messo il Post del Terremoto in Nepal, quasi Nessuno, si è permesso di commentare, come mai? Gli argomenti seri non sono degni di commenti e pensieri sinceri? Mi sa che le Persone Superficiali, sono altre, non Caterina! Sempre Belle Foto e Bella la Mostra, Brava!

Add Comment Register



Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>