ORGOGLIOSA DI ESSERE ITALIANA

“Non ci credo ancora, è un’emozione bellissima”, ha commentato l’atleta 19enne Beatrice Vio detta Bebe, abbracciando il presidente del Comitato italiano paralimpico (Cip), Luca Pancalli, subito dopo aver vinto il suo Oro nel Fioretto.
Alex Zanardi vince l’oro nella cronometro di ciclismo: «la medaglia è per Gianmarco Tamberi»
Assunta Lagnante, la campionessa di Frattamaggiore trionfa con un lancio di 15.74, senza traslocazione, per non compromettere la schiena malandata: “È stata la gara più dura da quattro anni a questa parte – ha dichiarato stremata alla fine -. Dopo che al primo lancio l’uzbeka ha fatto 14.87 ho detto, no: vuol dire che me devo impegnà – ha detto ridendo di gusto– non facevo una gara dai mondiali di Doha e, da ottobre, ho fatto due allenamenti nel peso. Ha avuto un ruolo fondamentale la fame, la fame di vittoria, di conoscenza, di tutto, come mi dice sempre mio papà Luigi”.
E’ un fiume in piena il nostro Luca Mazzone quando taglia il traguardo della corsa nella prova a cronometro dell’handbike della categoria H2. Sul podio con il tricolore che sale in cielo manda un bacio volante a chi ha brindato per lui dall’alto: suo padre. «Questa medaglia è il coronamento di un sogno che inseguivo da una vita. Quanti sforzi ho dovuto fare per vincerla. Mi sono dovuto reinventare nell’handbike dopo averla sfiorata nel nuoto. E’ arrivata. Stento ancora a crederci ma è mia è posso stringerla forte. Saluto la mia Terlizzi e tutta la Puglia che porto sempre nel cuore».
Vittorio Podestà oro nella cronometro H3, atleta diChiavari che ha portato i colori della Liguria sino in Brasile e ora raccoglie il frutto di tanta passione e sacrificio.
“Questa vittoria, che arricchisce il medagliere ligure con il secondo ORO in 2 giorni, e che ci riempie di orgoglio – ha dichiarato il Gaetano Cuozzo, presidente del Comitato Italiano Paralimpico della Liguria – appartiene di tutto a Vittorio – per la grinta, la passione e la determinazione con cui ha preparato questa Paralimpiade – alla moglie Barbara, che lo appoggia e lo segue dappertutto, alla Federciclismo, a tutto il Comitato Italiano Paralimpico ma anche al nostro territorio e a tutto il nostro movimento. Siamo felici per il brillante risultato di Vittorio e sicuri che il suo esempio di uomo e atleta, i suoi successi, avranno una formidabile eco nell’opinione pubblica che porterà molti giovani ad avvicinarsi al nostro Movimento Paralimpico”.

You May Also Like

Add Comment Register



Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>